Un mio piccolo pensiero

Ricordo le mani rugose di mio nonno, e quelle piu giovani ma già esperte di mio padre che deponevano con cura, per non rovinarli, i grappoli appena raccolti nella cesta di vimini. La stessa cura che utilizziamo adesso alla vendemmia facendo si che le uve giungano intatte in cantina .Ricordo il carro con i buoi dove si caricavano i bigonci di legno che avevamo bagnato per alcune settimane affinché il legno, impregnato di acqua, non versasse nemmeno una goccia di mosto. Ricordo che, all'ora del pranzo, preparato con amorevole passione da mia nonna e da mia madre, tra un piatto di pasta fatta in casa ed un pollo e un'anatra arrosto parlavamo già del vino futuro bevendo quello del passato; godendo tutti assieme quel momento di presente in cui il buonumore, il buon cibo ed il buon vino ci facevano dimenticare le fatiche della giornata.
Purtroppo alcune di queste persone non ci sono più, ma il loro ricordo, la loro passione, ed il loro amore per le cose semplici della vita sono rimasti per sempre in ogni zolla della nostra terra, in ogni grappolo della nostra uva, in ogni goccia del nostro vino.
Quando faccio roteare un bicchiere del mio vino, ritrovo in quel vortice color rubino tutti i miei ricordi e le mie emozioni che mi fanno apprezzare ancor meglio i profumi ed i sapori che il nostro meraviglioso territorio sa regalarci.
Ed in cuor mio mi auguro che ,anche voi assaggiando il nostro vino ,possiate ritrovare emozioni e ricordi sopiti nel vostro cuore, ed apprezzare quel momento di convivialità e sana allegria che solo un bicchiere di buon vino sa regalare.

Silvano Bonifazi